Il sentiero ripercorre l'antica strada tracciata dai fratelli Matrone per risalire al Gran Cono dal versante di Boscotrecase; dopo quasi trent’anni di lavori, diverse distruzioni operate da improvvise colate laviche e successive ricostruzioni, la carrozzabile fu inaugurata il 4 gennaio del 1927.

Varcato il cancello d'ingresso della Caserma della Forestale ci si incammina lungo una via* asfaltata che sale mediante curve e tornanti, attraversando fitte pinete in cui predomina il pino domestico. Fra le specie animali non mancano la volpe, la faina, il ghiro, il topo selvatico e diversi uccelli tipici dei boschi, come il rampichino, la ghiandaia, il picchio rosso maggiore, alcune specie di cince e lo sparviere.

Dopo aver percorso circa 2,5 Km si raggiunge il bivio con lo stradello della Riserva Forestale Tirane - Alto Vesuvio dove è posta la meta ravvicinata. L'ambiente inizia a cambiare notevolmente, man mano la pineta lascia il posto al leccio; percorrendo la serie successiva di tornanti anche il leccio viene gradualmente e completamente sostituito dalle tipiche associazioni vegetali della macchia mediterranea: ginestra, valeriana rossa, elicriso, cisto, che in tarda primavera creano un tripudio di colori e profumi.

Lunghezza 14.175 metri a/r
Quota Massima 1.060 metri s.l.m.
Tempi di percorrenza 7 ore a/r
Difficoltà Media (pendente lungo, asfaltato)
Partenza/Arrivo Via Cifelli (Trecase)

Il percorso continua ancora per un tratto asfaltato, fino ad 800 m s.l.m., dove è situata un'area di sosta, da qui il sentiero diviene lastricato e particolarmente suggestivo. Si ammirano scorci panoramici di rara bellezza e pregevoli interventi di ingegneria naturalistica, quali grate vive “Vesuvio” e muri a secco in pietra lavica. Dopo circa 1200 m si raggiunge uno slargo panoramico, che rappresenta la meta intermedia. La vista spazia dalla Penisola Sorrentina al Golfo di Napoli e verso valle sulla Piana Campana e la Riserva Tirane.

Il tragitto procede ancora in salita fino a raggiungere un piazzale, dove è posto un presidio dell'Ente Parco. Un affaccio panoramico lascia ammirare le creste del Monte Somma con la Punta Nasone, i Cognomi di Ottaviano e l’ampia distesa della Vlle dell’Inferno. Si riprende il percorso dell’andata in discesa verso l’ingresso dove è situata la meta d’itinerario.

A breve sarà possibile, in via sperimentale, percorrere la Strada Matrone anche utilizzando un sistema di trasporto pubblico a basso impatto ambientale, in virtù di un Accordo di Programma tra Ente Parco, Comune di Boscoreale, Provincia di Napoli e Regione Campania.

Visita gli altri sentieri