L’itinerario, in parte agricolo, risale le pendici del versante orientale del Monte Somma, partendo all’altezza della Chiesa di Santa Maria alla Scala, dove è posto l’ingresso alla Via Profica Paliata.

Il primo tratto attraversa un ambiente rurale diversificato: sul lato sinistro alberi da frutto, tra cui il fico, l’albicocco, il ciliegio ed il pruno, mentre sul lato destro si incontrano vigneti, noccioleti e qualche castagno. Tra gli uccelli più diffusi in queto ambiente spiccano il pigliamosche, la sterpazzola, l’usignolo, il verzellino, cui in estate si aggiunge il meraviglioso rigogolo, dal brillante piumaggio giallo e nero e dal canto melodioso.

Il percorso procede in dolce salita, sullo sfondo si ammirano i Cognoli di Ottaviano e di Levante e più dietro le pendici orientali del Vesuvio. Ad entrambi i bivi posti lungo il tragitto (rispettivamente dopo circa 400 e 700 m dal punto di inizio del sentiero), è necessario mantenere la sinistra.

Si raccomanda di prestare massima prudenza e attenzione sui sentieri, di verificare sempre le condizioni meteorologiche e di calzare scarpe adeguate.

L’Ente Parco non ha competenze in materia di sicurezza e non è pertanto responsabile di eventuali danni a persone e cose che dovessero verificarsi durante le attività di fruizione del territorio del Parco.

Tipologia di sentiero Sentiero agricolo
Partenza/Arrivo San Giuseppe Vesuviano loc. Santa Maria alla Scala a quota: 175 m s.l.m
Quota Massima 730 metri s.l.m.
Lunghezza 4.382 metri a/r
Intersezioni Sentiero n°1 e 2
Tempi di percorrenza 3 ore a/r
Difficoltà Media
Accesso Pedonale libero

Dal secondo bivio la campagna lascia gradualmente il posto al bosco misto mesofilo, con prevalenza di latifoglie, soprattutto roverella, ed un sottobosco ricco e diversificato; gli uccelli tipici della campagna lasciano il posto a quelli silvani, come il picchio rosso, il picchio verde, il rampichino ed il picchio muratore.

Dopo aver superato una pineta di pino domestico, procedendo verso destra ci si inoltra in un castagneto ricco di sottobosco; arrivati a circa 410 m s.l.m. si incontrano gradini in legno che facilitano la salita alle creste del Monte Somma dal fianco occidentale, caratterizzate da un bosco misto, a prevalenza di leccio e castagno; percorrendole è possibile ammirare i valloni del Somma, a destra il Vallone Tagliente, a sinistra il Vallone della Profica.

Si Prosegue per circa 900 metri lungo le creste su un substrato di lave e piroclastiti del vecchio apparato vulcanico, ed arrivati a quota 730 m, per chi vuole continuare l’escursione, il sentiero incrocia il tratto comune con i sentieri 1 e 2, altrimenti il cammino riprende in senso inverso sino a tornare all’area parcheggio.

Visita gli altri sentieri

La rete sentieristica è in fase di complessiva riqualificazione e manutenzione; alcuni sentieri potrebbero non essere dotati di cartellonistica e segnaletica. Contattare l’Ente Parco per ulteriori informazioni. 

Sentiero temporaneamente non fruibile nel tratto verso Somma Vesuviana

Sentiero temporaneamente non fruibile nel tratto da Somma Vesuviana

Sentiero in manutenzione

Sentiero non fruibile in cui saranno attivati interventi di manutenzione

Sentiero non fruibile in cui saranno attivati interventi di manutenzione

Sentiero non fruibile in cui sono in fase di attivazione i necessari interventi di manutenzione